Sep
12

di Enrico Bocciolesi
Università di Perugia – Vega

______________

Nella società odierna sono numerose le evoluzioni ed i mutamenti in atto, determinati dall’avvento di nuove tecnologie che, in un contesto sociale frenetico, caotico e liquido (Bauman, 2008), coinvolgono la persona nella sua totalità. Questo cambiamento e successivo passaggio a prodotti digitali ha addotto ad una trasformazione del testo scritto e delle sue modalità di lettura, oltre al mutamento del rapporto che si ha con le proprie emozioni. L’avvenimento ha carattere globale, perché riguarda non solamente la persona, l’educatore o il formatore, ma interessa in primis la scuola nella sua complessità. Un’intelligenza emotiva che si aggiorna nell’era dell’e-book, le possibilità per riflettere, ipotizzare ma anche intervenire sul prodotto informatico con competenza tecnologica, tenendo presente lo stato attuale dell’arte. Read more

Sep
12

di Maria Grazia Fiore (moderatrice della tavola rotonda)
docente e formatrice
Università degli Studi di Foggia
Blog personale: Speculum Maius

______________

Il libro di testo non è un libro qualsiasi e la sua storia non è assimilabile a quella del libro tout court.

Lo specifico contesto di utilizzo ha fatto sì che nel tempo potesse essere contraddittoriamente usato tanto come potente strumento di controllo culturale (l’opera di fascistizzazione e successiva defascistizzazione [pdf] dei testi scolastici è l’esempio a noi più vicino) quanto come garanzia di libertà d’insegnamento, non dismettendo mai il ruolo implicito di “metronomo” del progressivo e regolare svolgersi del “programma”, qualunque esso fosse.

La sua storia si intreccia strettamente con quella di un modello trasmissivo fondato su una “gestione burocratica del sapere” (Ardoino 2001, 15) ed una sua “distribuzione ordinata”, regolata secondo l’articolazione disciplinare delle conoscenze e una relazione comunicativa uno-a-molti, asimmetrica e unidirezionale. Read more

Sep
12

di Emanuela Bramati
Scuola Primaria “Molino Vecchio”, Gorgonzola (MI)
sito di classe: quintamolino.altervista.org/
Blog: www.didainformaticaprimaria.blogscuola.it

e di Marinella Molinari
Scuola Primaria “Eugenio Medea”, Varese
Blog: www.didainformaticaprimaria.blogscuola.it

______________

PoliCultura è un’iniziativa del Politecnico di Milano che si pone l’obiettivo di dimostrare come il connubio tra cultura e tecnologia sia possibile e auspicabile.
PoliCultura è innanzitutto un’occasione didattica, in quanto propone la realizzazione di una narrazione multimediale e multicanale su un tema culturale. La narrazione viene realizzata mediante il motore “1001storia”, uno strumento autore messo a disposizione gratuitamente dal Politecnico di Milano, in grado di generare automaticamente una versione per CD-rom, una versione Web e una per iPod. Read more

Sep
12

di Marco Guastavigna
IIS Beccari, Torino
www.noiosito.it

______________

Dei “libri digitali” a scuola non si discute. Gli insegnanti hanno altre priorità, tra cui quest’anno si colloca anche una pseudo riforma delle superiori. Le case editrici tradizionali hanno messo in campo diverse tipologie di versione “mista” dei libri di testo: “Se vogliamo che tutto rimanga com’è, bisogna che tutto cambi”, direbbe il principe di Salina.
Poiché per gli strumenti digitali implementano ormai veri e propri modelli di rapporto con le informazioni e con le conoscenze, è bene che noi insegnanti ne confrontiamo le caratteristiche operative, cognitive e culturali con quelle della tradizione, per essere parte attiva di un eventuale, futuribile, dibattito. Read more

Sep
11

di Erika Ena
Erid Lab, Università degli Studi di Foggia

______________

L’utilizzo delle tecnologie in classe comporta una serie di cambiamenti in merito alle metodologie didattiche, agli stili di apprendimento, ai contesti e alla creazione di un setting adeguato.
La realizzazione di questo processo richiede l’acquisizione di una competenza non strettamente connessa all’utilizzo di tecnologie ma “una consapevolezza, un’ attitudine ed un’abilità degli individui di utilizzare in modo appropriato gli strumenti e le opportunità digitali per identificare, accedere, gestire, integrare, valutare, analizzare e sintetizzare risorse digitali, costruire nuove conoscenze, creare media e comunicare con gli altri, in
contesti specifici delle vita reale, per dar vita ad azioni costruttive e riflettere attorno al
processo” (Martin, 2005). Read more

Sep
11

di Giampaolo D’Amico e Lea Landucci
MICC, Media Integration and Communication Center, Università degli studi di Firenze
www.micc.unifi.it

______________

Introduzione
Da anni il MICC, Media Integration and Communication Center dell’Università degli studi di Firenze, svolge attività di ricerca e trasferimento tecnologico sulle tematiche della natural interaction e dell’usabilità di sistemi interattivi multimediali. In questo intervento saranno descritte le ultime sperimentazioni del Centro riguardanti il design e lo sviluppo di interfacce tangibili multiutente.
In particolare saranno presentati TANGerINE Tales e Cipì, due progetti dedicati al mondo dello storymaking e della psicometria sperimentale per bambini. Read more

Sep
11

di Maurizio Châtel
direttore editoriale della BBN
Blog: chatel.bibienne.net/

e Michele Botrugno
dirigente dell’istituto paritario Athenaeum di Torino

______________

La seconda fase della storia editoriale dei testi scolastici digitali parte dal concetto di piattaforma. La rete rende disponibile una disseminazione del testo che non va a discapito della comprensione ma che anzi ne aumenta l’accessibilità cognitiva. Alla struttura lineare si sostituisce una metastruttura composta da livelli di competenza – per fasce d’età, per indirizzi di studio – e da livelli di approfondimento – laboratori, archivi di dati; il manuale si trasforma in una costellazione di punti di lettura, alcuni dei quali tipici di ogni disciplina – le competenze di base esposte in forma testuale -, altri che travalicano il puro apprendimento per investire un nuovo rapporto tra autore e lettore – blog, forum, ecc. Read more

Sep
11

di Davide Mana
Centro di geobiologia, Università degli Studi Carlo Bo, Urbino
Blog personale: Strategie Evolutive

______________

Il mio intervento a Fosdinovo voleva sollevare domande più che cercare delle risposte.
L’idea di fondo è che, allo stato attuale, l’e-book è stato penalizzato nel suo sviluppo dall’eredità del libro cartaceo.
Si continua ad immaginare l’e-book come libro elettronico, necessariamente legato alla metafora del libro cartaceo per essere efficace.
Un libro quindi con pagine, capitoli, una copertina, una struttura lineare. Read more

Sep
10

di Francesco Cerchio e Guglielmo Gasparini
Aziende: La Stampa e CSI Piemonte

______________


L’obiettivo dell’iniziativa è quello di istituire la Biblioteca Digitale dell’Informazione Giornalistica (BDIG)
per valorizzare, conservare e mettere a disposizione del pubblico la copia digitale del materiale archivistico del Centro di Documentazione della società editrice La Stampa. Read more

Sep
10

di Andreas Formiconi
Università di Firenze
Blog personale: Insegnare Apprendere Mutare

[i contenuti di questo contributo riassumono anche l’intervento nella tavola rotonda Il futuro del libro si chiama biblioteca… moderata da Mario Guaraldi]

______________


La mia biblioteca è piccola ma ho dovuto etichettare gli scaffali se voglio avere qualche speranza di ritrovare i libri alla svelta.

Stavo leggendo “Il Metodo” di Edgar Morin ma devo interrompere perché mi è arrivato un altro libro che voglio leggere subito.

Ho quindi in mano il primo volume, “La natura della Natura”. Dove lo metto? In libreria l’avevo trovato fra i libri di sociologia ma appena mi ero messo a sfogliare i sei volumi, m’era parso che fosse più che altro un libro di filosofia. Quando poi ho attaccato a leggere i primi capitoli mi sono reso conto che stavo facendo il più brillante ripasso delle idee fondamentali della fisica che avevo studiato all’università.

Dove mettere questo libro dunque? L’ho trovato nel reparto sociologia della libreria, mi è parso un libro di filosofia sfogliandolo, ci sto ripassando la fisica … Un libro meraviglioso e proprio per questo sostanzialmente inclassificabile.
Read more

ebookfest2010

  • BBN MultiBlog - ebookfest2010 blog personale